TCONZERO

Tconzero è uno studio di Architettura orgogliosamente siciliano.

Siamo di Agrigento, estremo sud d’Italia, Nasciamo nel 2016 e date queste premesse, viviamo la nostra attività come incessabile ricerca di uno stile architettonico siciliano, mediterraneo. Contemporaneo.

Tradurre le forme, i colori, gli odori e le sensazioni che secoli di storia ci hanno lasciato, in architettura, forme contemporanee, materiali luci e ombre ; che comporranno lo sfondo e ambientazione, dello scorrere della vita delle persone.

Il nostro nome lo dobbiamo a Italo Calvino e alla sua raccolta di racconti “Tì con zero”, e alla definizione scientifica legata al nostro nome. Lo stato iniziale di qualsiasi processo.

Interpretare ogni progetto come un racconto e tradurlo in cocretezza. In Realtà.

Questa la nostra filosofia sul progetto d’architettura.

#tconzeroarchitettura #tconzero.

 

 

VINCENT MARTINO BONFANTE

Nasce ad Agrigento nel 1989 e si laurea nel 2015 presso il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Palermo, con un progetto di tesi elaborato in collaborazione con la University of Jordan di Amman (Giordania), affrontando il tema della progettazione di una nuova realtà architettonica volta alla riqualificazione di spazi urbani da destinare alla cultura islamica e alle relazioni sociali. Diverse pubblicazioni nell’ambito della progettazione architettonica e composizione, della progettazione ambientale e del restauro, impreziosiscono la sua carriera accademica.

L’ esperienza in cantiere ne contraddistingue il suo percorso di formazione sin da bambino, grazie all’attività edilizia del padre, contribuendo ad accrescere la passione per l’architettura, l’attenzione per il dettaglio e la particolare propensione verso la creazione di piccoli oggetti e di elementi d’ arredo.

 

SAMUELE DI MAGGIO

Nasce a Caltanissetta nel 1988 e si laurea presso il Dipartimento d’Architettura dell’Università degli Studi di Palermo con una tesi sviluppata ad Amman, sulla riqualificazione dello spazio urbano per la cultura e per le interazioni sociali in medioriente, collaborando con la University of Jordan di Amman (Giordania). Durante la sua carriera accademica, alcuni dei suoi progetti vengono inseriti in diverse pubblicazioni e partecipa nel 2012, grazie ad un progetto per architetture che possano favorire l’integrazione culturale  a Lampedusa (AG) alla Biennale di Venezia , “Common Ground”.

Rappresenta l’anima sognatrice del gruppo, vorrebbe cambiare il mondo e applica il suo pensiero verso la rivoluzione del contesto in cui nasce, a cui è profondamente legato e che vede come una vera e propria missione da poter compiere nel suo piccolo. Ama l’architettura, il design, la grafica e tutto ciò che sia stimolante per il suo spirito creativo.

 

 

 

 

Scroll to top