MONOCOLO

“La Biddina” è una meravigliosa associazione culturale che nasce nel 2017 e che, da Grotte, si sta sbracciando e sta cercando con tutti gli sforzi, di farsi portavoce e canale di Arte e cultura. Un gruppo di amici seri volenterosi e soprattutto sognatori, dedicano il loro tempo in attività che svariano dal raccontare favole ai bambini nei cortili del loro paese, all’organizzare veri e propri eventi di arte e cultura che rimangono nella memoria e negli spazi dei luoghi che vivono. Abbiamo avuto la fortuna di essere stati invitati ad uno di questi appuntamenti,e

grazie a tutto ciò, nasce;

MONOCOLO _ Rifugio di un sogno


Il tema trattato riguarda un elemento architettonico temporaneo che ha un significato strettamente concettuale, che può essere espresso attraverso cinque concetti fondamentali: la complessità, la diversità, la notte, il sogno e la rigenerazione urbana.
Questi cinque temi trovano dunque la loro espressione in questa mini-architettura dal nome MONOCOLO _ Rifugio di un sogno. Qui il caos dell’involucro esterno si contrappone al silenzio dell’involucro interno, un “caos calmo” in cui simbolicamente attraverso l’impiego di milioni di pixel colorati viene estrinsecato il concetto di complessità e diversità del mondo contemporaneo, a cui corrisponde a sua volta, all’interno, il silenzio dei rumori della notte, in cui è possibile vivere un’esperienza quasi sensoriale relativa alla possibilità di potere immaginare la città sotto diversi punti di vista privilegiati e monocolari; ancora una volta dunque il colore diventa il mezzo simbolico attraverso il quale la rigenerazione diventa possibile.
La diversità dell’involucro esterno si contrappone al buio della notte e all’esperienza del sogno che in essa stessa viene generato attraverso la giustapposizione dei punti di vista annunciati che inquadrano diversi scorci della città storica, che hanno già subito delle trasformazioni dettate dall’abitare contemporaneo, e che tramite l’esperienza del sogno di una città migliore trovano in questo piccolo rifugio la sua espressione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top